BENVENUTI NELLA GIUNGLA! – Blitz degli studenti il primo giorno di scuola

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×

WhatsApp Image 2016-09-12 at 11.33.00

Oggi 12 settembre in molte scuole di Bari gli studenti sono tornati nelle classi.
Dal Fermi al Perotti, dall’Euclide al Caracciolo, dal Panetti al Bianchi Dottula, dallo Scacchi al Socrate, ad accogliere gli studenti sono stati degli striscioni attaccati dai ragazzi dell’Unione degli Studenti Bari. “Benvenuti nella loro ‘Buona Scuola’” si legge su alcuni striscioni degli studenti che invitano i loro coetanei a partecipare alla consultazione studentesca nazionale, lanciata pochi mesi fa dall’WhatsApp Image 2016-09-12 at 11.33.00 (2)Unione degli Studenti, che mira ad attivare percorsi di partecipazione e mobilitazione degli studenti nelle scuole sul tema dei diritti.

“Abbiamo attaccato questi striscioni nelle scuole per ribadire il nostro totale disaccordo con le politiche portate avanti dal Governo Renzi e per affermare la nostra volontà di prendere parola all’interno delle scuole e delle città. Non vogliamo più essere relegati alla nostra condizione ‘scimmiesca’, vogliamo evolverci e pretendiamo più diritti per tutti gli studenti e le studentesse” dichiara Davide Lavermicocca, coordinatore dell’Unione degli Studenti Bari.

“Quest’azione è solo una delle tante che faremo nelle scuole e nelle città verso ed oltre la prima data di mobilitazione studentesca del 7 ottobre. Invitiamo tutti gli studenti e le studentesse baresi a partecipare alla consultazione studentesca sul sito www.stiamodiritti.it. Siamo pronti a riprenderci le scuole e a portare avanti la nostra evoluzione studentesca” continua Lavermicocca.

Sugli striscioni, gli studenti dell’Unione degli Studenti Bari denunciano alcune situazioni disastrose presenti nelle scuole baresi, dai problemi di edilizia scolastica a quelli WhatsApp Image 2016-09-12 at 11.33.00 (1)sull’accessibilità ai laboratori.

“Ci è giunta notizia a mezzo stampa della chiusura di quattro aule del Liceo Scientifico Scacchi, rivelatesi a rischio crollo, nonostante la scuola fosse stata ristrutturata nell’ultimo anno” dichiara Gennaro Cifinelli, Responsabile dell’Organizzazione dell’Unione degli Studenti Bari. “Questo caso è emblematico della mancanza di un piano di interventi strutturale volto alla messa in sicurezza degli edifici scolastici”, conclude lo studente.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×